Il regolamento di lega deve essere accettato

prima di iscriversi alla nostra lega

REGOLAMENTO DI LEGA

 

 

FANTALEGA2001

 CAMPIONATO 2020-2021:

20a EDIZIONE

REGOLAMENTO

 

 

                                            ART. 1: LA FANTALEGA

 

La FantaLega è costituita da 24 Società, 12 appartenenti alla FantaLega Serie A e 12 appartenenti alla FantaLega Serie B.

La FantaLega è governata dall’Assemblea di Lega, formata da tutti i presidenti-allenatori e presieduta da un unico responsabile: il Presidente di Lega.

I compiti del Presidente di Lega sono:

ü comporre il calendario;

ü acquisire le liste di vincolo;

ü coordinare le operazioni di calciomercato;

ü registrare settimanalmente le formazioni;

ü calcolare i risultati delle partite;

ü comporre le classifiche;

ü registrare le operazioni di mercato libero e i trasferimenti nati da trattative tra squadre;

ü presiedere il Comitato Esecutivo e coordinarne l’attività.

Il Comitato Esecutivo è composto da cinque fantapresidenti designati dall’Assemblea di Lega. Fanno parte del Comitato Esecutivo il Presidente di Lega, due vicepresidenti di Serie A e due vicepresidenti di Serie B. I componenti il Comitato Esecutivo sono eletti ogni anno tramite sondaggio; il Presidente di Lega è eletto tramite sondaggio fra tutti i presidenti di Lega, i due vicepresidenti di Serie A sono eletti tramite sondaggio fra i soli presidenti di Serie A (ogni Presidente deve indicare due preferenze) e i due vicepresidenti di Serie B sono eletti tramite sondaggio fra i soli presidenti di Serie B (ogni Presidente deve indicare due preferenze). In caso ci sia la candidatura di un solo rappresentante di una delle due Serie, questo verrà automaticamente eletto per la Serie di competenza come membro del CE, l’altra Serie potrà eleggere tre candidati. Nell’eventualità che una Serie non veda candidature i partecipanti alla Serie non rappresentata potranno esprimere il loro voto per gli altri candidati presenti anche se non della Serie di pertinenza.

Il Comitato Esecutivo ha l’autorità di interpretare le regole e occuparsi degli affari straordinari della FantaLega. In particolare competono al Comitato Esecutivo le decisioni in materia di modifica del presente regolamento che devono essere prese nel rispetto dei seguenti principi:

ü il Comitato Esecutivo è tenuto a esaminare e valutare eventuali proposte di modifica del regolamento formulate da qualsiasi fantapresidente, le eventuali proposte di modifica dovranno essere inoltrate al Comitato Esecutivo entro le date stabilite ogni anno dal Presidente di Lega;

ü ogni anno il Comitato Esecutivo dovrà esprimersi sulla praticabilità delle proposte ricevute soprattutto con riferimento al carico di lavoro che l’eventuale recepimento di tali proposte comporta;

ü le proposte di modifica del regolamento che saranno valutate positivamente da almeno quattro componenti del Comitato Esecutivo diventeranno efficaci a partire dal recepimento delle stesse all’interno della revisione annuale del regolamento;

ü ogni anno il Comitato Esecutivo dovrà pubblicare l’edizione annuale del regolamento valevole per l’intera stagione.

Il Comitato Esecutivo ha inoltre il compito di verificare che il comportamento di tutti i partecipanti alla Fantalega2001, incluso il Presidente di Lega ed i rappresentanti dello stesso CE, sia volto ai valori di educazione, lealtà e rispetto dell’avversario. Il CE si potrà riunire autonomamente o su richiesta di un partecipante alla Fantalega2001, per valutare eventuali comportamenti non ritenuti consoni ai valori citati.

Il CE, solo con l’unanimità di voto, potrà comminare sanzioni al fantapresidente che si è reso protagonista di atteggiamenti non conformi all’etica comportamentale richiesta.

Tali sanzioni che saranno commisurate alla gravità del fatto compiuto potranno prevedere:

ü impedimento di accesso al forum per un tempo determinato;

ü il blocco del mercato libero da una a tre sessioni;

ü riduzione di 5 fm dal credito disponibile;

ü penalizzazione di un punto in classifica;

ü allontanamento dalla Fantalega2001;

Tutte le decisioni e le interpretazioni del Comitato Esecutivo sono soggette al veto dell’Assemblea di Lega che può bocciarle con voto a maggioranza semplice (metà più uno) solo nel caso in cui, entro una settimana, ci sia stato il parere contrario di almeno sei fantapresidenti.

Tutte le decisioni e le interpretazioni del Comitato Esecutivo relative all’etica comportamentale, sono soggette al veto dell’Assemblea di Lega che può bocciarle con voto di maggioranza dei 2/3 dei fantapresidenti , solo nel caso in cui, entro una settimana, ci sia stato il parere contrario di almeno otto fantapresidenti.

 

 

ART. 2: LE SOCIETÀ

 

Ogni partecipante al gioco è al tempo stesso allenatore e Presidente di una Società (o squadra). Una stessa persona può essere Presidente sia di una Società di Serie A che di una Società di Serie B solo in assenza di altre persone interessate a partecipare alla Fantalega. Non è ammesso che una stessa persona sia Presidente di due Società che militano nella stessa categoria.

Il nome della Società può essere modificato esclusivamente ad inizio stagione (prima dell’inizio del mercato estivo) e solamente nelle seguenti due ipotesi:

ü la società milita in serie A o in Serie B ed è gestita da un nuovo presidente iscritto alla Fantalega2001;

ü la società milita in serie B e non ha cambiato presidente, ma ha mantenuto per almeno cinque anni lo stesso nome che ora intende modificare.

 

Ogni Società dispone di un capitale sociale iniziale, che corrisponde a:

ü 300 crediti per le Società di Serie A;

ü 180 crediti per le Società di Serie B;

ü 150 crediti per le Società di Serie B retrocesse l’anno precedente.

Le Società dovranno usare il capitale sociale per acquistare i calciatori, comporre e modificare la propria rosa. In nessun caso una squadra può spendere più del capitale sociale a disposizione mentre può spendere di meno.

È obbligo di ogni fantapresidente:

ü partecipare (eventualmente anche tramite persona delegata) alle operazioni di calciomercato;

ü inviare settimanalmente la formazione della propria squadra;

ü operare sempre e solo nell’interesse della propria squadra.

Il Comitato Esecutivo è tenuto a vigilare sul rispetto di detti obblighi e qualora riscontrasse delle evidenti violazioni dovrà tempestivamente intervenire prendendo i provvedimenti necessari, inclusa, nei casi più gravi o in presenza di recidiva, l’espulsione dalla FantaLega dei fantapresidenti che, a insindacabile giudizio del Comitato stesso, abbiano violato gli obblighi di cui sopra.

Nello specifico, in caso di mancata comunicazione della lista di vincolo, questa regolamentata all’art.3, e di successiva mancata risposta a solleciti, il Presidente di Lega provvederà al Commissariamento della squadra entro le 23.00 del primo giorno d’asta.

 

Nel caso in cui un Presidente decida di abbandonare la gestione della propria fantasquadra, è libero di indicare il nominativo del nuovo presidente che gestirà la fantasquadra, a condizione che il nuovo presidente non gestisca nessun’altra società della Fantalega.

 

Se il presidente dimissionario non provvede all’individuazione del nuovo presidente, e in tutti i casi di Commissariamento,  si opera con i seguenti criteri.

 

1) la gestione sarà offerta in via prioritaria a nuovi presidenti disposti ad iscriversi alla Fantalega2001.

2) In assenza di nuove iscrizioni, la gestione della società abbandonata sarà affidata a un presidente che gestisce già un'altra squadra militante nell'altra serie, che temporanemente si troverà così a gestire 2 squadre. Tale Presidente verrà individuato seguendo un ordine di priorità che tenga conto degli anni di militanza in Fantalega e, in secondo luogo, del piazzamento in classifica ottenuto nell’anno precedente. Se un Presidente ha già usufruito di una simile possibilità nelle 5 precedenti stagioni, sarà in ogni caso collocato in fondo all’ordine di priorità.

3) Il Presidente che ha acquisito l’incarico in base alle disposizioni al punto 2, nel momento in cui vi sia un nuovo iscritto alla Fantalega disponibile a subentrare, dovrà lasciare la gestione della seconda squadra mantenendo solo la gestione della sua squadra originaria.

4) Nel caso descritto al punto 2, è previsto un periodo di gestione provvisoria della durata di 14 giorni durante il quale la fantasquadra non può concludere operazioni di mercato. Tale periodo non si applica ai casi di abbandono o commissariamento che si verifichino a stagione in corso.

 

 

 

ART. 3: LA ROSA

 

La rosa di ciascuna squadra deve essere composta al massimo da 23 calciatori.

La rosa di ogni squadra della Serie A deve essere composta da calciatori appartenenti al campionato italiano di Serie A. La rosa di ogni squadra della Serie B deve essere composta da calciatori appartenenti al campionato italiano di Serie B. Se, nel corso del campionato, un giocatore tesserato per qualche Società dovesse cambiare di categoria o trasferirsi in una squadra di un campionato estero, dovrà essere svincolato dalla Società di appartenenza e potrà essere sostituito con un operazione di mercato libero. Nel caso la Società non procedesse allo svincolo, il giocatore sarà comunque automaticamente svincolato a fine stagione.

Per ciascuno dei quattro ruoli, il numero minimo e massimo di calciatori tesserabili è il seguente:

ü portieri: minimo 2 massimo 3;

ü difensori: minimo 5 massimo 9;

ü centrocampisti: minimo 5 massimo 9;

ü attaccanti: minimo 3 massimo 6.

Ciascun Presidente può vincolare fino ad un massimo di 12 calciatori della propria squadra a condizione che:

ü almeno 2 calciatori siano provenienti da scambi fatti durante il mercato estivo (in caso contrario sono vincolabili al massimo 10 calciatori);

ü almeno 2 calciatori abbiano fatto parte della rosa della fantasquadra già nell’anno precedente (in caso contrario sono vincolabili al massimo 10 calciatori);

ü il numero massimo di portieri vincolabili è di 2 calciatori;

ü il numero massimo di attaccanti vincolabili è di 4 calciatori a condizione che almeno 1 provenga dal mercato estivo (in caso contrario sono vincolabili al massimo 3 attaccanti).

La lista di vincolo deve essere comunicata al Presidente di Lega entro la data e l’orario che dovranno essere pubblicati sul sito ufficiale di Lega.

Nel caso un fantapresidente non comunichi tempestivamente la lista vincolo il Presidente di Lega, al fine di permettere la regolarità dell’asta, procederà nel seguente modo:

ü verifica del numero di giocatori attualmente in rosa;

ü verifica della congruità dei ruoli nel rispetto dei massimali previsti per l’eventuale riconferma;

ü mantenimento di un solo portiere con eventuale eliminazione del secondo/terzo;

ü eliminazione dei giocatori con ingaggio più basso, partendo dagli attaccanti per arrivare al portiere, fino al ripristino della quota necessaria alla lista di vincolo;

ü quanto sopra con l’unica eccezione nel caso il giocatore sia l’unico del ruolo;

ü in caso di parità di ingaggio e di ruolo la scelta del calciatore da tagliare è in ordine alfabetico

L’ingaggio di un calciatore è il costo del suo cartellino e non cambia finché il calciatore non viene svincolato. L’ingaggio di un calciatore acquistato al calciomercato equivale alla cifra offerta all’asta mentre quello di un calciatore acquistato al mercato libero è determinato dal suo ruolo.

Lo stato contrattuale di un calciatore decorre dal momento in cui viene acquistato. Se un calciatore viene acquistato al mercato libero, in qualunque momento del campionato, o al mercato di riparazione in modalità asta, ai fini contrattuali si calcolerà quel campionato come primo anno di contratto: il contratto di un calciatore ha durata pari a tre anni, fatto salvi eventuali casi eccezionali diversamente regolamentati (es. 23° giocatore, giocatori Under, ecc.). I trasferimenti non modificano lo stato contrattuale di un calciatore, cioè l’ingaggio e la durata del suo contratto.

 

 

ART. 4: IL CALCIOMERCATO

 

Alle operazioni di calciomercato partecipano tutti i presidenti della FantaLega. Non è necessario che le operazioni di calciomercato di Serie A e di Serie B si svolgano contemporaneamente.

È compito del Comitato Esecutivo stabilire le date del calciomercato. Se un Presidente non può partecipare alle operazioni di calciomercato, o delegare un proprio rappresentante, dovrà operare le sue scelte solo tra i calciatori rimasti dopo gli acquisti effettuati dai presidenti delle altre squadre.

Il calciomercato si svolge sotto forma di asta attraverso rilanci. Ciascuna Società deve acquistare 23 calciatori con un budget complessivo a disposizione pari a:

ü 240 crediti per le Società di Serie A;

ü 140 crediti per le Società di Serie B;

ü 110 crediti per le Società di Serie B retrocesse l’anno precedente.

La durata dell’asta è stabilita in 8 giorni in base agli orari annualmente comunicati dal Presidente di Lega (di norma, con inizio alle ore 10.00 del primo giorno e conclusione alle ore 22.30 dell’ultimo giorno).

A partire dal momento di apertura ufficiale del calciomercato, ogni fantapresidente potrà formulare le proprie offerte per i vari calciatori esclusivamente attraverso il sito ufficiale di Lega www.fantalega2001.com, l’offerta d’asta minima è di un credito e si potranno effettuare rilanci sulle offerte formulate dagli altri fantapresidenti sino al momento di chiusura del calciomercato. Ogni fantapresidente, durante l’intero periodo di calciomercato, è libero di effettuare in qualsiasi momento nuove offerte o rilanci a condizione che rispetti sempre i seguenti limiti:

ü non superi il tetto di 239/139/109 crediti e il numero di 22 calciatori (compresi quelli vincolati);

ü non annulli le offerte relative a calciatori temporaneamente assegnatigli;

ü rispetti i vincoli di composizione (numero massimo e minimo di calciatori tesserabili per ruolo).

Non saranno ritenute valide le offerte (o rilanci) arrivate oltre l’ora prestabilita di chiusura del calciomercato e a tal fine fa fede unicamente l’orario di arrivo riportato nel sito ufficiale. Offerte spedite in tempo ma arrivate, anche per cause di forza maggiore, in ritardo non saranno ritenute valide: ogni Presidente è tenuto quindi ad assicurarsi che le proprie offerte siano effettivamente arrivate al sito ufficiale.

Durante il calciomercato ogni calciatore per cui sono arrivate offerte verrà assegnato temporaneamente alla Società che, in quel dato momento, avrà offerto di più. Nel caso in cui per 24 ore consecutive nessun’altra Società offra di più l’aggiudicazione diverrà definitiva. Diverranno altresì definitive eventuali assegnazioni temporanee presenti al momento di chiusura ufficiale del calciomercato.

Alla chiusura ufficiale del calciomercato segue la fase del completamento rose: le rose vengono completate acquistando tra i calciatori rimasti senza contratto. I presidenti che abbiano acquistato all’asta meno di 22 giocatori potranno, nel rispetto dei vincoli di ruolo previsti per l’asta, scegliere i calciatori mancanti, che avranno ingaggio pari a 1 e contratto al primo anno. Inoltre, ogni fantapresidente, nel rispetto dei limiti di ruolo, potrà aggiungere alla sua rosa di 22 calciatori un ulteriore calciatore da scegliersi tra quelli non aggiudicati attraverso l’asta. Il 23° calciatore della rosa avrà sempre ingaggio 1 e un contratto di durata annuale (il calciatore sarà quindi automaticamente considerato al 3° anno di contratto). Nel caso un fantapresidente scegliesse un portiere come 23° calciatore, il calciatore scelto deve militare, in quel momento, nella stessa squadra di uno degli altri due portieri già presenti in rosa.

L’intera fase del completamento rose viene gestita attraverso un mercato a chiamata singola (dove, a turno, ogni presidente può ingaggiare un unico calciatore). Chi ha meno di 22 calciatori in rosa non ha la priorità di scelta rispetto a chi deve chiamare solo il 23° giocatore. Si segue, per l’ordine di scelta, il criterio iniziale del mercato libero (si veda il successivo Art. 5-A). Tale ordine di scelta viene ripetuto il numero di volte necessario a rendere tutte le rose complete di 23 giocatori.

 

 

 

ART. 5: IL MERCATO A STAGIONE IN CORSO

 

A stagione in corso, esistono tre tipi di interventi di mercato con i quali modificare la composizione della propria rosa:

A) il mercato libero;

B) il mercato di riparazione in modalità scambi;

C) il mercato di riparazione in modalità asta.

A) Il mercato libero, cioè l’acquisto di calciatori liberi da contratto e il contemporaneo svincolo di calciatori in proprio possesso, è consentito dopo che si è disputata la terza giornata di andata e fino a prima di disputare la terzultima giornata di ritorno del campionato. Il mercato libero è sospeso durante lo svolgimento del mercato di riparazione e durante la mini-asta.

Salvo diversa segnalazione del Presidente di Lega, le operazioni di mercato libero dovranno essere effettuate esclusivamente attraverso il sito ufficiale di Lega www.fantalega2001.com che dovrà essere attivo per l’inserimento delle operazioni di mercato libero almeno 24 ore prima della prevista scadenza settimanale. La scadenza settimanale per l’invio delle operazioni di mercato libero è prevista, salvo casi eccezionali che saranno segnalati dal Presidente di Lega, per le 22:00 di martedì.

Il mercato libero è aperto anche nelle settimane che precedono quei turni di coppa previsti nel periodo che segue la terza giornata di andata di campionato e che precede la terzultima giornata di campionato. Una Società può acquistare un solo calciatore libero da contratto per settimana. L’acquisto di un calciatore al mercato libero deve essere concomitante allo svincolo di un calciatore della rosa: con conseguente recupero di metà dell’ingaggio del giocatore svincolato (arrotondamento per difetto in caso di decimali).

L’ingaggio dei calciatori liberi da contratto varia a seconda del loro ruolo e della categoria in cui milita la Società:

 

Portiere

Difensore

Centrocampista

Attaccante

Serie A

4 crediti

4 crediti

7 crediti

15 crediti

Serie B

3 crediti

3 crediti

5 crediti

10 crediti

 

Ogni volta che una Società ricorre al mercato libero deve inoltre sostenere un costo a fondo perduto pari a 3 crediti.

L’acquisto di un calciatore al mercato libero è regolato in base ad un ordine di scelta.

Il primo ordine di scelta è definito sulla base dei crediti residui di ogni Società: chi ha più crediti residui ha la prima scelta e così via. Pertanto, la prima graduatoria è determinata dai crediti risparmiati in sede di asta. In caso di parità di crediti tra due o più squadre, la priorità di scelta è definita in ordine inverso rispetto alla posizione in classifica del precedente campionato.

Successivamente, l’ordine di scelta si modificherà in base all’utilizzo effettivo del mercato libero: ogni volta che una Società opererà sul mercato libero finirà in fondo alla graduatoria e verrà scavalcata da chi non avrà operato sul mercato libero. La priorità di scelta del successivo Turno di mercato libero sarà inoltre definita con un ordine invertito tra quelle Società che operano in contemporanea nello stesso Turno di mercato libero.

Esempio:

- Ordine di scelta Turno 1: 1° Squadra A, 2° Squadra B, 3° Squadra C

- Mercato libero Turno 1: Le squadre A e C sostituiscono un giocatore sul mercato libero, la squadra B non effettua operazioni.

- Ordine di scelta Turno 2: 1° Squadra B, 2° Squadra C, 3° Squadra A.

Le operazioni di acquisto o svincolo, diventano effettive nel momento in cui vengono pubblicate sul Sito di Lega.

È possibile tagliare al mercato libero un calciatore ed acquistarne uno di ruolo diverso purché la composizione della rosa rispetti i vincoli nel numero massimo e minimo di giocatori per ruolo.

I giocatori tagliati diventano disponibili per un eventuale nuovo ingaggio a partire dal successivo Turno di mercato libero, con le seguenti limitazioni:

- la Società che taglia un calciatore non può ricomprarlo nel Turno di mercato immediatamente successivo;

- nel primo Turno di mercato successivo al taglio di un calciatore da parte di una Società, le altre Società possono ingaggiare il suddetto calciatore offrendogli unicamente un contratto annuale (tecnicamente, il calciatore risulterà automaticamente al 3° anno di contratto e dovrà quindi necessariamente essere svincolato al termine della stagione, anche nel caso si tratti di un calciatore Under).

L’elenco dei calciatori disponibili per il mercato libero è rappresentato da tutti quei calciatori riportati nelle liste del Q.U. che non sono sotto ingaggio con nessuna fantasquadra al termine del calciomercato ad asta.

Tale elenco viene aggiornato in parallelo con gli aggiornamenti delle liste del Q.U. Tuttavia, durante il periodo di calciomercato di riparazione “reale” (tipicamente dal 1° al 31° gennaio di ogni anno), l’aggiornamento delle liste dei calciatori disponibili al mercato libero viene sospeso. Tutti i calciatori stranieri o fuori elenco acquistati dalle squadre reali durante il mercato di riparazione vengono inseriti insieme nella lista solo al termine del mercato stesso e sono acquistabili per la prima volta dalle Società della fantalega nel mercato di riparazione in modalità asta.

B) Nel corso della stagione agonistica è previsto altresì lo svolgimento del mercato di riparazione in modalità scambi. Durante questo periodo saranno possibili scambi di giocatori tra Società della stessa categoria o di categorie diverse tenendo conto che:

ü i trasferimenti non modificano il ruolo e lo stato contrattuale (ingaggio e durata del contratto) dei calciatori coinvolti nel trasferimento;

ü l’accordo di trasferimento è valido solo se comunicato al forum ufficiale da entrambi i presidenti che hanno concluso l’accordo;

ü ogni Società potrà al massimo coinvolgere negli scambi un numero complessivo di 6 giocatori per tutto l’arco della sessione del mercato di riparazione. I 6 giocatori potranno essere scambiati, sia parzialmente verso altre squadre, sia unicamente verso una Società, ma il numero massimo dei giocatori della rosa di una fantasquadra, coinvolti nei trasferimenti, rimarrà di 6.

è inoltre limitato a due, il numero massimo di giocatori al terzo anno che si potranno coinvolgere in uno scambio con un’altra Società.

I trasferimenti sono soggetti ai requisiti di composizione, in numero e ruoli, della rosa di una squadra. Non sono ammessi scambi di giocatori tra Società aventi lo stesso Presidente.

C) Infine, nel corso della stagione agonistica è previsto lo svolgimento del mercato di riparazione in modalità asta. Il periodo di svolgimento di questo mercato è sempre successivo al mercato di riparazione in modalità scambi ed è inoltre successivo al termine del calciomercato di riparazione reale. Sarà in occasione di questo mercato che i nuovi giocatori acquistati dalle squadre reali durante il mercato di riparazione saranno per la prima volta disponibili per l’ingaggio.

In tale occasione, secondo le scadenze stabilite dal Presidente di Lega, ogni Società potrà tagliare dalla propria rosa fino ad un massimo di 3 calciatori, facendo così spazio all’ingaggio di altrettanti calciatori da contendersi con un mercato ad asta con le stesse regole di funzionamento stabilite dall’Art. 4 del presente regolamento. I presidenti potranno scegliere di tagliare fino a un massimo di 3 calciatori rispettando tuttavia i seguenti vincoli:

- non potranno essere tagliati calciatori con ingaggio superiore a 30 crediti per la Serie A e superiore a 20 crediti per la Serie B;

- non potranno essere tagliati calciatori al 3° anno di contratto.

Tali limitazioni alle possibilità di taglio di calciatori in rosa, applicati in occasione della mini-asta, si applicano necessariamente anche all’ultimo Turno di mercato libero che precede la mini-asta. In ogni caso, le suddette limitazioni non si applicano nel caso in cui il calciatore in questione sia stato ceduto all’estero o comunque ceduto al di fuori del campionato di riferimento (es. giocatore di A ceduto in B e viceversa).

L’ingaggio dei giocatori tagliati in occasione della “mini-asta” di riparazione viene parzialmente recuperato secondo le stesse modalità previste per lo svincolo di giocatori al mercato libero (recupero di metà dell’ingaggio con arrotondamento per difetto in caso di decimali). Tuttavia, i tagli non saranno soggetti alla “tassa” del mercato libero.

In deroga rispetto alle regole di funzionamento dell’asta di settembre stabilite nell’Art. 4 del presente regolamento, in occasione della “mini-asta” di riparazione:

- i presidenti potranno utilizzare l’intero credito residuo rimasto a loro disposizione;

- per la mini-asta possono essere stabiliti una durata complessiva inferiore e tempi di rilancio più brevi, ma comunque non inferiori alle 12 ore;

- la base d’asta non è rappresentata da un credito bensì dal costo dell’ingaggio dei calciatori sul mercato libero;

- nel caso al termine della mini-asta sia necessario ricorrere al completamento delle rose, verranno seguite le stesse regole dell’asta di settembre (con priorità di scelta a chi ha più crediti residui al termine della mini-asta e a parità di crediti in base all’ordine invertito di classifica all’ultimo Turno di campionato disputato), ma i calciatori chiamati avranno lo stesso ingaggio dei calciatori sul mercato libero.

 

 

ART. 6: IL MERCATO ESTIVO

 

A fine stagione, prima dell’apertura del mercato estivo, il Presidente di Lega provvede all’aggiornamento della situazione contrattuale dei calciatori al 1° anno di contratto e al 2° anno di contratto e allo svincolo automatico dei calciatori al 3° anno di contratto, fatta eccezione per i calciatori al 3° anno di contratto definiti Under.

Sono considerati Under i calciatori che non hanno ancora compiuto il 23° anno di età alla fine dell’anno solare appena concluso. All’inizio della stagione 2021/2022, ad esempio, sarà prorogato il contratto dei calciatori arrivati al 3° anno di contratto e nati nel 1998 o in anni successivi (tali calciatori risulteranno quindi ancora al 3° anno di contratto anche nella nuova stagione agonistica e il loro contratto potrà essere eventualmente rinnovato ulteriormente finché resta valida la loro condizione di giocatori Under).

Una volta aggiornato lo stato contrattuale dei calciatori ed eletto il nuovo Comitato Esecutivo, il Presidente di Lega dichiarerà aperto il mercato estivo. A partire da tale data e fino alla data stabilita come termine per la comunicazione delle liste di vincolo, le Società sono libere di condurre trattative di trasferimento di ogni genere e senza alcun limite, tenendo conto che:

ü i trasferimenti non modificano il ruolo e lo stato contrattuale (ingaggio e durata del contratto) dei calciatori coinvolti nel trasferimento;

ü l’accordo di trasferimento è valido solo se comunicato al forum ufficiale da entrambi i presidenti che hanno concluso l’accordo.

In questa fase sono possibili anche scambi di giocatori tra squadre di diverse categorie, ma non sono ammessi scambi di giocatori tra squadre aventi lo stesso Presidente.

 

 

 

ART. 7: LA FORMAZIONE

 

Ogni partita della stagione viene disputata tra due formazioni di 11 calciatori, scelti dagli allenatori tra i 23 della rosa.

Ciascuna squadra potrà schierare i suoi 11 calciatori secondo i seguenti moduli:

3-4-3      3-5-2      3-6-1      4-4-2      4-3-3      4-5-1      5-3-2      5-4-1      6-3-1

(minimo tre difensori, massimo tre attaccanti, dai tre ai sei centrocampisti).

Prima dell’inizio della gara, non più tardi dell’orario del fischio d’inizio della prima partita della giornata di campionato, gli allenatori devono comunicare la formazione inviandola al sito ufficiale di Lega www.fantalega2001.com (o, se il sito ufficiale non fosse in linea, al forum ufficiale di Lega http://it.groups.yahoo.com/group/fantalega2001/).

Non saranno ritenute valide le formazioni arrivate al sito ufficiale o al forum ufficiale oltre l’ora prestabilita, a tal fine fa fede unicamente l’orario di arrivo riportato nei due siti. Formazioni inviate in tempo ma arrivate in ritardo, anche per cause di forza maggiore, non saranno ritenute valide: ogni allenatore è tenuto quindi ad assicurarsi che la propria formazione sia effettivamente arrivata.

Se un allenatore non comunica la formazione entro la scadenza stabilita, sarà considerata valida l’ultima formazione inviata al sito ufficiale di Lega. Se non esiste una formazione sul sito ufficiale di Lega (es. prima giornata) viene assegnato d’ufficio alla squadra un punteggio totale pari a 60.

Se un allenatore schierasse un giocatore non tesserato per la sua Società, al momento del calcolo questo sarà sostituito dalla riserva d’ufficio. Se una squadra venisse schierata con un modulo non previsto tra quelli sopra indicati, al momento del calcolo sarà sostituito il calciatore con il miglior punteggio totale (tra quelli del reparto in eccedenza) con la riserva d’ufficio (sarà schierata, partendo dal ruolo del portiere per arrivare al ruolo dell’attaccante, nel reparto che permette una disposizione con un modulo tra quelli previsti dal regolamento).

Se una squadra schierasse più di un calciatore non tesserato o fuori modulo, la riserva d’ufficio verrà utilizzata solo una volta (per sostituire secondo il seguente ordine: il portiere, un difensore, un centrocampista o un attaccante) e la squadra giocherà in inferiorità numerica. Se una squadra schierasse più di 11 giocatori in campo le verrà tolto il calciatore con il miglior punteggio totale. Se una squadra schierasse meno di 11 calciatori giocherà in inferiorità numerica.

 

 

ART. 8: RISERVE E SOSTITUZIONI

 

Ogni allenatore porta in panchina tutti i calciatori non schierati come titolari, per un totale di 12 calciatori di riserva. I calciatori di riserva dello stesso ruolo devono essere indicati in ordine di sostituzione. Una squadra non può effettuare più di 3 sostituzioni per gara. I calciatori di riserva possono sostituire soltanto calciatori che non siano scesi in campo nella realtà o che siano stati giudicato s.v. o n.g. (escluso il portiere). I calciatori di riserva possono sostituire solo calciatori del loro stesso ruolo e non possono sostituire in nessun caso calciatori espulsi.

Se anche il calciatore di riserva per un dato ruolo non fosse sceso in campo nella realtà o fosse stato giudicato s.v. o n.g. si prenderà in considerazione, se esiste, la seconda riserva di quel ruolo e poi eventualmente le successive, altrimenti il calciatore assente verrà sostituito dalla riserva d’ufficio il cui punteggio totale corrisponde a 4 per i giocatori di movimento e a 3 per il portiere. La regola della riserva d’ufficio viene applicata a non più di un calciatore per squadra.

In caso di 2 o più calciatori assenti, tra cui il portiere, la sostituzione del portiere è prioritaria e obbligatoria.

Nel caso che in una squadra più di 3 giocatori con ruoli diversi non vengano giudicati o non scendano in campo, le sostituzioni verranno operate in modo da garantire, se possibile, almeno una sostituzione per ruolo e rispettando il seguente ordine tra i ruoli: portiere, difensore, centrocampista, attaccante.

 

 

ART. 9: IL QUOTIDIANO UFFICIALE

 

Il Quotidiano Ufficiale (di seguito Q.U.), unico e insindacabile riferimento per i dati ufficiali sui tabellini delle partite è la Gazzetta dello Sport, fatta la sola eccezione per le casistiche particolari regolamentate all’art. 10 del regolamento.

Con riferimento al solo ruolo da assegnare ad ogni calciatore si farà riferimento (siti di riferimento):

ü per la Serie A ai ruoli utilizzati nella competizione denominata Magic Cup (http://magic.gazzetta.it);

ü per la Serie B ai ruoli indicati nel sito transfermarkt.it (http://www.transfermarkt.it).

Il ruolo una volta assegnato dal Presidente di Lega non potrà più essere cambiato per l’intera stagione, neppure nel caso in cui fosse successivamente modificato dai siti di riferimento.

A maggior chiarimento, relativamente al sito transfermarkt.it, i ruoli dei giocatori utilizzati saranno esclusivamente quelli presenti nelle pagine delle squadre reali di appartenenza. Non viene preso in considerazione il sottoruolo.

Se non fosse possibile, per qualunque ragione, rilevare i dati necessari allo svolgimento del campionato dal quotidiano ufficiale e/o dai siti di riferimento il Comitato Esecutivo deciderà in merito.

 

 

ART. 10: MODALITÀ DI CALCOLO

 

Il punteggio totale di un calciatore, necessario per il conteggio del risultato della partita, è dato dalla somma algebrica del voto in pagella assegnato e dei punti azione assegnati dal quotidiano ufficiale (Q.U.).

I punti azione sono i seguenti:

ü +3 per ogni gol realizzato e -1 per ogni gol subito (solo per il portiere);

ü +3 per ogni rigore parato (solo per il portiere) e -3 per ogni rigore sbagliato;

ü -2 per ogni autogol;

ü  +1 per ogni assist. In deroga all’utilizzo del Q.U., per quanto riguarda unicamente la Serie B, la fonte per l’assegnazione dell’assist è il sito: http://fantapiu3.com/. Nel caso durante la stagione subentrino problemi nel reperimento dei dati degli assist dal suddetto sito, il CE potrà indicare un’altra fonte valida per l’assegnazione degli assist.

ü -0,5 per un’ammonizione e -1 per un’espulsione (se un calciatore viene prima ammonito e poi espulso gli verrà assegnato un punto azione pari a -1).

Se un giocatore di movimento sostituisce il portiere ne assumerà interamente il ruolo con tutto ciò che ne consegue (vedasi punti azione). Se un calciatore viene giudicato s.v. o n.g. dovrà essere, se possibile, sostituito, altrimenti la squadra giocherà in inferiorità numerica, valgono tuttavia le seguenti eccezioni:

ü nel caso un calciatore segni un gol e sia giudicato s.v. o n.g., verrà considerato titolare e gli verrà assegnato d’ufficio un voto pari a 6;

ü nel caso un calciatore realizzi un assist e sia giudicato s.v. o n.g., verrà considerato titolare e gli verrà assegnato d’ufficio un voto pari a 6;

ü nel caso un calciatore venga espulso e sia giudicato s.v. o n.g., verrà considerato titolare e gli verrà assegnato d’ufficio un voto pari a 4;

ü nel caso di calciatore senza valutazione, verrà assegnato d’ufficio un voto pari a 6 se, in base a quanto indicato sui tabellini pubblicati sul sito ufficiale della Lega Serie A e Lega Serie B, è rimasto in campo per almeno 30 minuti, altrimenti sarà sostituito come da regolamento (si intenda per calciatore senza valutazione, il giocatore, che per errore o dimenticanza del QU non sia stato valutato nemmeno con s.v. o n.g.)";

ü in deroga al punto precedente e per i soli calciatori di Serie B, qualsiasi Presidente può richiedere, entro tre giorni dalla pubblicazione dei tabellini, che venga utilizzato il Corriere dello Sport come fonte alternativa al Q.U. nei seguenti casi:

-      se nel tabellino, a fianco del nome del calciatore, manca il voto per un evidente errore di stampa del Q.U.;

-      se il calciatore non è inserito nel tabellino del Q.U. quando invece ha giocato;

-      se il Q.U. valuta il calciatore s.v. o n.g. nonostante abbia giocato almeno un tempo.

Se anche sul Corriere dello Sport si dovesse registrare l’assenza di valutazione del calciatore in questione, il reclamo può basarsi sulla fonte Datasport. In ogni caso, l’onere della prova spetta al Presidente che presenta il reclamo.

ü nel caso di portiere senza voto, verrà assegnato d’ufficio un voto pari a 6 se è rimasto in campo per almeno 30 minuti, altrimenti dovrà essere sostituito dal portiere di riserva.

Nel caso in cui il quotidiano ufficiale riporti tra i marcatori, gli ammoniti o gli espulsi, un calciatore diverso da quanto indicato nei tabellini pubblicati sul sito ufficiale della Lega Serie A e Lega Serie B, il Presidente penalizzato potrà, entro 3 giorni, proporre reclamo al Presidente di Lega che provvederà al ricalcolo del risultato (l’onere della prova è a carico del Presidente che propone il reclamo).

Nel caso una o più partite del campionato di calcio vengano posticipate e rinviate ad una data successiva non compatibile con i tempi necessari per poter utilizzare i relativi voti e punti azioni nei conteggi dei risultati delle partite della Fantalega, per il calcolo dei risultati delle partite si assegnerà un voto pari a 5,5 ai difensori, un voto pari a 6 a centrocampisti ed attaccanti e un voto pari a 6 con - 2 di punti azione ai portieri, a condizione che tali giocatori non fossero squalificati per la giornata in questione. Le partite posticipate per essere compatibili con i tempi necessari per poter utilizzare i relativi voti e punti azioni dovranno essere disputate almeno due giorni prima della data prevista per la scadenza dell’invio formazioni per il turno successivo. Nel caso in cui il rinvio della partita ad una data non compatibile con i tempi necessari per poter utilizzare i relativi voti e punti azioni nei conteggi dei risultati delle partite della Fantalega sia noto, da fonti ufficiali, almeno 1 ora prima del termine per l’invio delle formazioni, i voti di ufficio dei giocatori di movimento saranno ridotti di 0,5 punti.

Nel caso in cui almeno il 50% delle partite del campionato vengano posticipate e rinviate ad una data successiva non compatibile con i tempi necessari per poter utilizzare i relativi voti e punti azioni nei conteggi dei risultati delle partite della Fantalega, l’intera giornata di fantacalcio viene rinviata e recuperata facendo slittare in avanti il calendario della Fantalega, a condizione che vi sia lo spazio per poter effettuare il recupero.

Se una partita viene sospesa prima del 90° (ma abbia avuto comunque inizio) e il quotidiano ufficiale assegna tuttavia i voti ai calciatori:

-      saranno ritenuti validi i voti assegnati dal quotidiano ufficiale e i relativi punti azione maturati nella partita riportati nel quotidiano ufficiale;

-      sarà assegnato un voto pari a 6 ai giocatori della partita sospesa valutati s.v. dal quotidiano ufficiale solo se ancora in campo al momento della sospensione della partita, mentre ai giocatori in panchina sarà assegnato un voto pari a 6 solo nel caso in cui la squadra reale a cui appartengono non abbia già effettuato tre sostituzioni prima della sospensione della partita.

Se una partita viene sospesa prima del 90° (ma abbia avuto comunque inizio) e il quotidiano ufficiale non assegna i voti ai calciatori:

-      saranno ritenuti comunque validi i punti azione maturati nella partita riportati nel quotidiano ufficiale;

-      sarà assegnato, indipendentemente da qualsiasi bonus/malus maturato dal giocatore, un voto pari a 6 ad ogni giocatore della partita sospesa sceso in campo in base a quanto riportato nel quotidiano ufficiale; ai giocatori in panchina sarà invece assegnato un voto pari a 6 solo nel caso in cui la squadra reale a cui appartengono non abbia già effettuato tre sostituzioni prima della sospensione della partita.

Il punteggio totale di una squadra è dato dalla somma dei punteggi totali dei 10 calciatori di movimento che hanno preso parte alla gara (escluso quindi il portiere) a cui vanno sommati

ü il fattore campo (+2 punti alla squadra che gioca in casa);

ü il fattore portiere;

ü il fattore tattica;

ü il fattore capitano.

Il fattore portiere attribuito ad una squadra viene calcolato sottraendo a 12 il punteggio (voto + punti azione) conseguito dal portiere della squadra avversaria, quindi:

Fattore portiere = 12 - punteggio portiere avversario

Il fattore tattica è un punteggio che viene sommato algebricamente ad una squadra in funzione delle prestazioni effettive dei difensori e dei centrocampisti della squadra avversaria secondo questa formula:

Fattore tattica = - [(Punteggio difesa avversaria - 36)*50% + (5 - Punteggio modulo difesa avversaria)]*1,4

Il punteggio difesa di una squadra è dato dalla somma dei voti dei difensori più la semisomma dei voti dei centrocampisti:

Punteggio difesa = (Somma voti difensori) + (Somma voti centrocampisti)*50%

Il punteggio modulo difesa di una squadra è funzione del numero dei difensori scesi in campo (NDIF) e del numero dei centrocampisti scesi in campo (NCEN) diviso per quattro, in base alla seguente formula:

Punteggio modulo difesa = (NDIF) + (NDIF – 4)*(NDIF – 3)*0.1 + (NCEN)*0.25

A titolo esemplificativo si riporta di seguito il valore del fattore tattica relativo ai diversi moduli utilizzabili nel caso in cui tutti i calciatori titolari prendessero un voto pari a 6. A tali esempi vengono affiancate due ulteriori casi, che aiutano a comprendere l’influenza del rendimento dei calciatori schierati sul punteggio ottenibile: un caso “minimo” (media voto dei difensori e dei centrocampisti pari a 5,5) e un caso “massimo” (media voto dei difensori e dei centrocampisti pari a 6,5). Tali esempi di fattore tattica indicano il guadagno in punti di fantamedia che verrà sottratto alla media dell’avversario:

 

Modulo

Fattore tattica (Voti = 6)

Fattore tattica (Voti = 5.5)

Fattore tattica (Voti = 6.5)

6-3-1

+ 3.01

+ 0.385

+ 5.635

5-4-1

+ 2.52

+ 0.07

+ 4.97

4-5-1

+ 1.75

-0.525

+ 4.025

5-3-2

+ 0.77

-1.505

+ 3.045

3-6-1

+ 0.49

-1.61

+ 2.59

4-4-2

0

-2.1

+ 2.1

3-5-2

-1.05

-2.975

+ 0.875

4-3-3

-1.75

-3.675

+ 0.175

3-4-3

-2.8

-4.55

-1.05

 

Il fattore capitano consiste in un bonus/malus attribuito ad una squadra in base al voto conseguito da un particolare giocatore della squadra. Completate le rose, ad inizio stagione, ogni squadra nomina il proprio capitano e un vice-capitano. Il capitano rimane tale per tutta la stagione, a meno che venga ceduto ad altra Società o tagliato al mercato libero, nel qual caso la Società deve scegliere un nuovo capitano. Le stesse regole si applicano al vice-capitano.

Un’ulteriore possibilità di cambiare il capitano e il vice-capitano è prevista durante il campionato nelle seguenti tre giornate: sesta del girone di andata, prima del girone di ritorno, sesta del girone di ritorno.

Nel calcolo del punteggio di squadra in ogni partita, il voto ricevuto dal capitano rappresenta la base per l’attribuzione di un bonus/malus alla propria squadra, in base alla seguente formula:

Fattore capitano = (Voto giocatore - 6)*50%

Nel caso in cui il capitano non sia fra i giocatori (titolari o riserve subentrate) che contribuiscono al punteggio della squadra, il suo ruolo viene assunto dal vice-capitano. Nel caso in cui anche il vice-capitano non sia della partita, la squadra si vedrà assegnare un malus d’ufficio pari a -1.

Per determinare il risultato finale della partita vengono confrontati i totali squadra delle due squadre in base alla tabella di conversione e alle sue integrazioni.

La tabella di conversione trasforma ogni totale squadra in un certo numero di gol come di seguito indicato:

Punti

Goal

da 0 a 65,999

0

da 66 a 71,999

1

da 72 a 77,999

2

da 78 a 83,999

3

da 84 a 89,999

4

da 90 a 95,999

5

da 96 a 101,999

6

da 102 in su

7

 

Le integrazioni che completano il calcolo del risultato finale della gara sono le seguenti:

ü quando il confronto tra i due totali squadra dà come risultato finale un pareggio che non sia 0-0, si assegna un ulteriore goal, e quindi la vittoria, alla squadra con il maggior totale squadra se la differenza tra i due totali squadra è di 4 o più punti;

ü quando una sola squadra totalizza meno di 60 punti, si assegna un goal all’altra squadra (anche se ha totalizzato meno di 66 punti) se la differenza tra i due totali squadra è di 6 o più punti;

ü quando la differenza tra i due totali squadra è di 10 o più punti, si assegna un ulteriore goal alla squadra con il maggior totale squadra.

Per le partite ad eliminazione diretta possono essere previsti i tempi supplementari ed eventualmente i calci di rigore.

I tempi supplementari sono considerati una partita a sé stante disputata in campo neutro (ovvero, nei tempi supplementari i gol in trasferta non valgono di più) tra squadre composte dai 3 calciatori che rappresentano le prime riserve in ciascuno dei tre ruoli di movimento. Se la prima riserva fosse subentrata in partita a qualche titolare, essa verrà sostituita, se possibile, dalla seconda riserva e così via. Non è applicabile la regola della riserva d’ufficio.

Sommando i punteggi totali dei tre (o meno) calciatori si ottengono i totali supplementari che, trasformati dalla tabella di conversione supplementari e dalle sue integrazioni, determinano il risultato dei tempi supplementari.

La tabella di conversione supplementari è la seguente:

Punti

Goal

Da 0 a 17,999

0

Da 18 a 20,999

1

Da 21 a 23,999

2

Da 24 a 26,999

3

Da 27 a 29,999

4

Da 30 in su

5

 

Le integrazioni che completano il calcolo del risultato finale dei tempi supplementari sono le seguenti:

ü quando il confronto tra i due totali supplementari dà come risultato finale un pareggio che non sia 0-0, si assegna un ulteriore goal, e quindi la vittoria, alla squadra con il maggior totale supplementari se la differenza tra i due totali supplementari è di 2 o più punti;

ü quando una sola squadra totalizza meno di 15 punti, si assegna un goal all’altra squadra (anche se ha totalizzato meno di 18 punti) se la differenza tra i due totali squadra è di 3 o più punti;

ü quando la differenza tra i due totali squadra è di 5 o più punti, si assegna un ulteriore goal alla squadra con il maggior totale squadra.

In caso di parità anche dopo i tempi supplementari, si procederà all’esecuzione dei calci di rigore. Al momento di comunicare la formazione ciascun allenatore dovrà comunicare l’ordine con cui i suoi calciatori batteranno i calci di rigore.

Verrà calciata una serie di 5 calci di rigore da parte dei primi 5 calciatori indicati nell’elenco dei rigoristi che abbiano effettivamente preso un voto valido ai fini del conteggio del risultato della partita nei tempi regolamentari. Per ogni squadra, il rigorista che avrà ottenuto un voto di 6 o più avrà segnato il rigore, il rigorista che avrà ottenuto un voto inferiore avrà sbagliato il rigore.

Al termine dei 5 calci di rigore regolamentari vincerà la squadra che avrà segnato più rigori. In caso di ulteriore parità, si procederà ai calci di rigore ad oltranza. Verranno presi in considerazione i rimanenti 6 calciatori nell’ordine in cui sono stati indicati nell’elenco dei rigoristi. Il calcolo avviene come per i 5 rigori regolamentari ma non appena una squadra realizzerà il rigore e l’altra sbaglierà, la prima vincerà la partita.

Qualora un allenatore non comunicasse l’ordine dei rigoristi, sarà considerato l’ordine di schieramento della formazione (a partire dal portiere, difensori, centrocampisti e attaccanti).

 

 

ART. 11: IL CAMPIONATO

 

Il campionato di Serie A si svolge con un girone unico di 12 Società che si affrontano in gare di andata e ritorno per un totale di 22 giornate, ciascuna costituita da 6 partite. La Società prima classificata acquisisce il titolo di Campione di Lega. Le ultime due classificate retrocedono in Serie B.

Il campionato di Serie B si svolge con un girone unico di 12 Società che si affrontano in gare di andata e ritorno per un totale di 22 giornate, ciascuna costituita da 6 partite. La Società prima classificata viene promossa in Serie A. La seconda classificata viene promossa direttamente in Serie A solo nel caso in cui il distacco tra la seconda e la terza classificata sia superiore a 5 punti. Se questa condizione non è rispettata la seconda squadra promossa in Serie A sarà la vincitrice dei play-off. Il numero di squadre partecipanti ai play-off è definito secondo la regola del Perimetro Play-off pari a 6 punti. In base a questa regola, possono accedere ai play-off un massimo di 4 squadre (dalla seconda alla quinta classificata), ma a stabilire il numero esatto di squadre (2, 3 o 4) sarà un perimetro di 6 punti, cioè, le squadre che hanno un distacco pari o minore di 6 punti dalla seconda classificata saranno coinvolte negli spareggi di fine stagione. I play-off possono prevedere un numero massimo di 4 partite, nel seguente ordine di svolgimento:

ü 1° Turno: consiste in una gara secca tra quarta classificata e quinta classificata, in casa della squadra quarta classificata. Se il risultato è in pareggio non sono previsti supplementari e si qualifica al turno successivo la squadra quarta classificata; se il numero di partecipanti ai play-off è inferiore a 4, si va direttamente al 2° Turno.

ü 2° Turno: consiste in una gara secca tra terza classificata e vincente 1° Turno (o quarta classificata se non si è svolto il 1° Turno), in casa della squadra terza classificata. Se il risultato è in pareggio non sono previsti supplementari e si qualifica al turno successivo la squadra terza classificata; se il numero di partecipanti ai play-off è inferiore a 3, si va direttamente al 3° Turno.

ü 3° Turno: consiste in una doppia sfida (andata e ritorno) tra seconda classificata e vincente 2° Turno (o terza classificata nel caso in cui non sia stato disputato il 2° Turno), alla fine della quale, la squadra che avrà segnato complessivamente più goal verrà promossa in Serie A. In caso di parità di goal segnati non sono previsti tempi supplementari e verrà promossa la squadra che si era classificata seconda nella stagione regolare. La partita di andata dei play-off viene disputata in casa della squadra peggio classificata al termine della stagione regolare, quella di ritorno in casa della seconda classificata.

Dalla Serie B retrocedono ogni anno due Società: l’ultima classificata retrocede direttamente, la seconda retrocessa sarà decisa tra la penultima e la terzultima classificata, tramite i play-out. I play-out saranno disputati solo nel caso in cui il distacco tra la penultima e la terzultima classificata sia uguale o inferiore a 5 punti e consistono in una doppia sfida (andata e ritorno) alla fine della quale, la squadra che avrà segnato complessivamente meno goal verrà retrocessa. In caso di parità di goal segnati verrà retrocessa la squadra che si era classificata penultima nella stagione regolare. La partita di andata dei play-out viene disputata in casa della penultima classificata, quella di ritorno in casa della terzultima.

La retrocessione dalla Serie B comporta la decurtazione di 30 crediti dal budget a disposizione nell’anno successivo per il calciomercato: il budget per le retrocesse sarà quindi di 110 crediti anziché 140 crediti.

I calendari dei campionati di Serie A e di Serie B saranno stilati ogni anno in base alla classifica del campionato della stagione precedente adottando il seguente schema di calendario perpetuo.

Classifica precedente

1-a

Squadra A

7-a

Squadra G

2-a

Squadra B

8-a

Squadra H

3-a

Squadra C

9-a

Squadra I

4-a

Squadra D

10-a

Squadra J

5-a

Squadra E

11-a

Squadra K

6-a

Squadra F

12-a

Squadra L

 

1-a giornata

 

2-a giornata

 

3-a giornata

 

4-a giornata

Squadra A

Squadra L

 

Squadra L

Squadra K

 

Squadra A

Squadra E

 

Squadra I

Squadra K

Squadra H

Squadra J

 

Squadra I

Squadra A

 

Squadra L

Squadra I

 

Squadra E

Squadra L

Squadra F

Squadra D

 

Squadra E

Squadra G

 

Squadra F

Squadra B

 

Squadra D

Squadra A

Squadra C

Squadra E

 

Squadra D

Squadra C

 

Squadra C

Squadra J

 

Squadra J

Squadra G

Squadra G

Squadra I

 

Squadra J

Squadra F

 

Squadra G

Squadra D

 

Squadra B

Squadra C

Squadra K

Squadra B

 

Squadra B

Squadra H

 

Squadra K

Squadra H

 

Squadra H

Squadra F

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5-a giornata

 

6-a giornata

 

7-a giornata

 

8-a giornata

Squadra A

Squadra J

 

Squadra E

Squadra K

 

Squadra A

Squadra H

 

Squadra D

Squadra K

Squadra L

Squadra D

 

Squadra D

Squadra I

 

Squadra L

Squadra B

 

Squadra J

Squadra E

Squadra I

Squadra E

 

Squadra J

Squadra L

 

Squadra I

Squadra J

 

Squadra B

Squadra I

Squadra C

Squadra H

 

Squadra B

Squadra A

 

Squadra E

Squadra D

 

Squadra H

Squadra L

Squadra G

Squadra B

 

Squadra H

Squadra G

 

Squadra G

Squadra F

 

Squadra F

Squadra A

Squadra K

Squadra F

 

Squadra F

Squadra C

 

Squadra K

Squadra C

 

Squadra C

Squadra G

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

9-a giornata

 

10-a giornata

 

11-a giornata

 

 

 

Squadra A

Squadra C

 

Squadra B

Squadra D

 

Squadra A

Squadra K

 

 

 

Squadra L

Squadra F

 

Squadra H

Squadra E

 

Squadra L

Squadra G

 

 

 

Squadra I

Squadra H

 

Squadra F

Squadra I

 

Squadra I

Squadra C

 

 

 

Squadra E

Squadra B

 

Squadra C

Squadra L

 

Squadra E

Squadra F

 

 

 

Squadra D

Squadra J

 

Squadra G

Squadra A

 

Squadra D

Squadra H

 

 

 

Squadra K

Squadra G

 

Squadra K

Squadra J

 

Squadra J

Squadra B

 

 

 

 

Le classifiche sono stabilite per punteggio, con assegnazione di 3 punti per ogni gara vinta, 1 punto per ogni gara pareggiata e 0 punti per ogni gara persa. In caso di parità tra due squadre al primo posto al termine del campionato di Serie A, il titolo di campione di Lega è assegnato mediante spareggio in gara unica su campo neutro da effettuarsi la giornata successiva a quella che ha concluso il campionato. Per questa partita è prevista, in caso di parità dopo i tempi regolamentari, la disputa dei tempi supplementari ed eventualmente dei calci di rigore. In caso di ulteriore parità anche dopo i calci di rigore il titolo verrà assegnato alla squadra con il totale squadra medio di campionato (fantamedia) più alto. In caso di ulteriore parità si procederà tramite sorteggio o con altro criterio casuale da definire.

In caso di parità di punteggio tra tre o più squadre al primo posto al termine del campionato, si procede preliminarmente alla compilazione della classifica avulsa cioè una graduatoria tra le squadre interessate che tenga conto, in ordine di priorità:

1) del totale di squadra medio del campionato (fantamedia);

2) in caso di ulteriore parità, dei punti conseguiti negli scontri diretti;

3) a parità di punti, della differenza reti negli scontri diretti;

4) in caso di ulteriore parità, delle reti segnate;

5) in caso di ulteriore parità si procederà al sorteggio.

Il titolo di Campione di Lega verrà assegnato mediante spareggio tra le prime due squadre della classifica avulsa da svolgersi secondo quanto sopra indicato.

In caso di parità tra due squadre piazzate al penultimo posto del campionato di Serie A e quindi in zona retrocessione al termine del campionato, la retrocessione è determinata mediante spareggio in gara unica su campo neutro da svolgersi con le stesse modalità previste per l’assegnazione del titolo di campione di Lega.

In caso di parità di punteggio tra tre o più squadre in gara per uno o due posti retrocessione, si procede preliminarmente alla compilazione della classifica avulsa analogamente a quanto sopra descritto con riferimento all’assegnazione del titolo di campione di Lega. Se è in competizione un unico posto retrocessione, esso è disputato mediante gara di spareggio tra le due squadre peggio classificate nella classifica avulsa.

Se sono in competizione due posti retrocessione, uno viene assegnato alla squadra peggio classificata nella classifica avulsa, l’altro è disputato mediante gara di spareggio tra le due squadre che precedono immediatamente nella classifica avulsa (penultima e terzultima).

In caso di parità di punteggio tra due o più squadre della Serie B in gara per la promozione o per la disputa dei play-off, nonché per la retrocessione o per la disputa dei play-out si procede in maniera analoga a quanto precedentemente descritto per il campionato di Serie A.

 

 

 

 

 

 

ART. 12: LA COPPA DI LEGA

 

La Coppa di Lega è un torneo a cui partecipano tutte e 24 le Società che compongono la Lega.

Nella prima fase le squadre verranno suddivise in quattro gironi da sei squadre secondo il seguente schema basato sulla posizione conseguita nel campionato della stagione precedente.

 

 

GIRONE A

 

GIRONE B

 

GIRONE C

 

GIRONE D

 

Squadre 1a fascia

 

1a Serie A

 

2a Serie A

 

3a Serie A

 

4a Serie A

 

Squadre 2a fascia

 

8a Serie A

 

7a Serie A

 

6a Serie A

 

5a Serie A

 

Squadre 3a fascia

 

9a Serie A

 

10a Serie A

 

11a Serie A

 

12a Serie A

 

Squadre 4a fascia

 

4a Serie B

 

3a Serie B

 

2a Serie B

 

1a Serie B

 

Squadre 5a fascia

 

5a Serie B

 

6a Serie B

 

7a Serie B

 

8a Serie B

 

Squadre 6a fascia

 

12a Serie B

 

11a Serie B

 

10a Serie B

 

9a Serie B

 

 

All’interno di ogni girone ogni squadra affronterà tutte le altre in partite di sola andata in campo neutro. Il calendario per questa prima fase è così determinato:

ü 1a giornata: si affrontano squadre di 1a fascia contro squadre di 6a fascia, squadre di 2a fascia contro squadre 5a fascia e squadre di 3a fascia contro squadre 4a fascia;

ü 2a giornata: si affrontano squadre di 1a fascia contro squadre di 5a fascia, squadre di 2a fascia contro squadre 4a fascia e squadre di 3a fascia contro squadre 6a fascia;

ü 3a giornata: si affrontano squadre di 1a fascia contro squadre di 4a fascia, squadre di 2a fascia contro squadre 3a fascia e squadre di 5a fascia contro squadre 6a fascia;

ü 4a giornata: si affrontano squadre di 1a fascia contro squadre di 3a fascia, squadre di 2a fascia contro squadre 6a fascia e squadre di 4a fascia contro squadre 5a fascia;

ü 5a giornata: si affrontano squadre di 1a fascia contro squadre di 2a fascia, squadre di 3a fascia contro squadre 5a fascia e squadre di 4a fascia contro squadre 6a fascia;

Per ogni partita vinta verranno assegnati 3 punti e per ogni partita pareggiata verrà assegnato 1 punto, in modo da determinare la classifica di ogni girone.

In caso di parità di punti tra due o più squadre in un girone, la classifica del girone viene determinata procedendo preliminarmente alla compilazione della classifica avulsa, cioè una graduatoria tra le squadre interessate che tenga conto, in ordine di priorità:

1) dei punti conseguiti negli scontri diretti;

2) a parità di punti, della differenza reti negli scontri diretti;

3) in caso di ulteriore parità, della fantamedia totale di squadra;

4) in caso di ulteriore parità, delle reti segnate;

5) in caso di ulteriore parità si procederà al sorteggio.

 

Si qualificano direttamente alla fase finale le squadre prime classificate di ogni girone, mentre le squadre dal secondo al quarto posto accedono ai ripescaggi e si sfidano in un mini playoff da disputarsi sempre in concomitanza con i turni di campionato (sia di A che di B).

La fase dei ripescaggi consiste in due Turni a eliminazione diretta, da disputarsi in campo neutro (in caso di parità, sono previsti i tempi supplementari, e in caso di ulteriore parità si qualifica la squadra meglio piazzata nei gironi, senza disputa dei calci di rigore), secondo il seguente tabellone.

Primo turno

 

Secondo turno

1)       3A – 4B

è

Vincente 1 – 2D

2)       3B – 4A

è

Vincente 2 – 2C

3)       3C – 4D

è

Vincente 3 – 2B

4)       3D – 4C

è

Vincente 4 – 2A

 

Nella fase finale, a cui accedono le 4 squadre prime classificate nei gironi e le 4 squadre vincenti nei ripescaggi, si svolgeranno gare ad eliminazione diretta con partite di andata e ritorno (finale inclusa). Gli abbinamenti delle squadre dipendono dalle posizioni conseguite nei gironi preliminari secondo il seguente tabellone (le squadre indicate per prime giocano in trasferta la partita di andata).

 

 

QUARTI DI FINALE

 

SEMIFINALI

 

FINALE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1a Girone A

 

 

 

 

 

 3C o 4D o 2B

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 1a Girone D

 

 

 

 

 

3B o 4A o 2C

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1a Girone B

 

 

 

 

 

 3D o 4C o 2A

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 1a Girone C

 

 

 

 

 

3A o 4B o 2D

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il passaggio al Turno successivo e la vittoria nella finale vengono determinati dai risultati delle due partite o, in caso di parità, dalla differenza reti. In caso di ulteriore parità, vince chi ha segnato più gol in trasferta. In caso di ulteriore parità, al termine dell’incontro di ritorno, verranno disputati i tempi supplementari (nei quali i gol in trasferta non valgono di più) ed eventualmente i calci di rigore. In caso di ulteriore parità si terrà conto dei Totali Squadra nelle due partite. In caso di ulteriore parità si procederà per sorteggio.

Nel calcolo del risultato delle partite, per tener conto del diverso “valore” delle prestazioni dei calciatori di Serie A rispetto a quelli di Serie B, in caso di scontro tra due squadre di categorie diverse, al totale squadra della squadra di Serie B verranno sottratti 3 punti.

 

 

ART. 13: LA SUPERCOPPA DI LEGA

 

La Supercoppa di Lega si disputa tra la vincente del Campionato di Lega e la detentrice della Coppa di Lega. Nel caso in cui le due squadre coincidano, parteciperà alla Supercoppa di Lega la seconda classificata nella Coppa di Lega. La Supercoppa si disputa con partita unica in campo neutro ed è soggetta alle stesse regole dello spareggio per il titolo di Campione di Lega.

 

 

 

APPENDICE: REGOLAMENTO STRAORDINARIO ANTI-COVID

 

A parziale integrazione o deroga del regolamento, nella stagione 2020-2021 vengono previste le seguenti norme straordinarie.

 

1.       In caso di stop al campionato di A o di B, la classifica del suddetto campionato verrà considerata a quel punto definitiva ai fini dell’assegnazione dello scudetto, delle promozioni, delle retrocessioni nonché delle posizioni in classifica ai fini della qualificazione alle Fantakoppe, a condizione che sia stato disputato interamente almeno l’intero girone di andata. In caso di parità di punteggi e impossibilità di effettuare gli spareggi, verranno applicati i seguenti criteri:

a.        del totale di squadra medio del campionato (fantamedia);

b.       in caso di ulteriore parità, dei punti conseguiti negli scontri diretti;

c.        a parità di punti, della differenza reti negli scontri diretti;

d.       in caso di ulteriore parità, delle reti segnate;

e.        in caso di ulteriore parità si procederà al sorteggio.

Resterebbe invece non assegnata la coppa di lega, a meno che non sia già stata disputata la finale di andata. In tal caso, la finale d’andata andrà ricalcolata come disputata in campo neutro (in considerazione di tale rischio, verrà chiesto di indicare eventuali rigoristi anche in occasione della finale d’andata).

2.       Lo stop al campionato di A o di B viene decretato anche nel caso in cui i rispettivi campionati proseguano soltanto in modalità playoff / playout.

3.       Nel caso in cui l’interruzione del campionato coincida anche con un ultimo turno di campionato disputato soltanto parzialmente, detta giornata sarà valida ai fini del fantacalcio solo se almeno la metà delle partite avrà avuto regolare svolgimento (coerentemente con quanto già stabilito all’articolo 10 del regolamento di Fantalega).

4.       Fino al termine della stagione, in coerenza con le nuove disposizioni della Lega Calcio, verranno concesse fino a 5 sostituzioni, per diminuire il rischio di inferiorità numerica. Resta valida, all’interno del numero massimo di 5 sostituzioni, la possibilità di ricorrere per una sola volta alla riserva d’ufficio (voto 4 per giocatori di movimento, 6-3 per i portieri). Per l’ordine delle sostituzioni, resta valido quanto previsto dal regolamento di fantalega, per cui le sostituzioni vanno operate in modo da garantire, se possibile, almeno una sostituzione per ruolo e rispettando il seguente ordine tra i ruoli: portiere, difensore, centrocampista, attaccante. Mantenendo la stessa logica, le sostituzioni garantiranno il più possibile un numero di sostituzioni equamente suddivise tra i reparti (quindi, ad esempio, avrà la priorità la sostituzione di 2 D, 2 C e 1 A rispetto alla sostituzione di 3 D, 1 C e 1 A).

5.       Il mercato libero viene eccezionalmente prolungato fino alla fine della regular season (escludendo dunque eventuali spareggi e playoff /playout), mantenendo la cadenza di 1 turno settimanale (solito orario di martedì alle 22) e giocatori che si renderanno disponibili a partire dal turno immediatamente successivo.